Scuola Secondaria

Museo Etnografico

1) ACQUA COME VITA
Aree di interesse: scienze naturali, storia del territorio
Modalità di svolgimento: un incontro 2 h visita guidata tematica
Progetto: l’acqua è da sempre al centro delle scelte di vita dell’uomo, sin dai tempi in cui da nomade si spostava da un posto all’altro in cerca di cibo e riparo.
Con l’acqua si coltiva, si disseta il bestiame e la popolazione, si cucina e ci si lava ed è elemento principale della vita quotidiana di ogni società. Pozzi,
trezzi, mulini sono testimonianze ben visibili del suo utilizzo, riconoscibili anche nella toponomastica del territorio. L’acqua costituiva il centro di pratiche rituali
e religiose ed era protagonista di favole e leggende. Ai ragazzi saranno forniti spunti per guardare con occhi più consapevoli un elemento che oggi diamo per scontato.

2) L’OFFICINA VERDE
Impariamo a conoscere le piante della tradizione
Aree di interesse: scienze naturali, storia, storia del territorio, botanica, antropologia
Modalità di svolgimento: un incontro 2 h (laboratorio sensoriale e pratico)
Progetto: il nostro territorio è ricco di specie vegetali, molte delle quali utilizzate nell’alimentazione e nella medicina popolare tradizionale. Questo percorso
avvicinerà i ragazzi al mondo delle erbe e delle loro molteplici virtù. Con il supporto di proiezioni, i ragazzi conosceranno le proprietà di alcune piante, le
toccheranno per capirne la consistenza e l’aroma, ne osserveranno campioni. Infine la realizzazione del calendario delle erbe o di un foglio di erbario trasformerà
il laboratorio in una vera e propria “officina verde”.

3) LA LETTERA
Fonte storica, racconto e memoria
Aree di interesse: storia, arte, informatica
Modalità di svolgimento: un incontro 2 h (lezione interattiva e laboratorio pratico)
Progetto: lasciti testamentari, missive o semplicemente comunicati, a partire dall’età moderna sono state e continuano ad essere, un fondamentale mezzo
di comunicazione. Un’attenta lettura, dopo averne attestato la veridicità, può fornirci una notevole quantità di informazioni su un dato periodo focalizzando
meglio vicende e protagonisti. Ad essere prese in esame saranno proprio corrispondenze e cartoline scritte ed invitate dal fronte di combattimento. Partendo
dall’analisi di cartoline scritte da un giovane milite volontario nella Grande Guerra, l’attività laboratoriale si suddividerà in due parti: la trascrizione e digitalizzazione
del loro contenuto per creare un primo database tematico sulla Grande Guerra, seguita dalla scrittura di una missiva “dal fronte”.

4) RiciclARTE
Aree di interesse: storia del territorio, arte
Modalità di svolgimento: un incontro 2 h (visita tematica e laboratorio)
Progetto: un percorso per scoprire la pratica del riuso nelle comunità lunigianesi del passato e stimolare a riflettere sulla necessità di impiegare con più
consapevolezza le risorse, differenziando e riciclando, con uno sguardo alle antiche abitudini. Si scopriranno oggetti della vita pastorale contadina costruiti
con materiali insoliti e inaspettati, utensili rotti, ma perfettamente riparati, giocattoli nati dalla fantasia dei bambini impiegando i pochi, semplici materiali
a loro disposizione. I partecipanti realizzaranno manufatti creativi con oggetti inusuali e materiali di riciclo tra i più disparati, per i quali potranno immaginare
una nuova vita, attribuendogli un’altra funzione e un altro scopo.

5) VIAGGI E VIAGGIATORI
Nelle raccolte dei musei della Spezia
Aree di interesse: storia, storia locale, scienze naturali, antropologia
Modalità di svolgimento: un incontro 2 h (visita tematica e proiezioni)
Progetto: un percorso alla scoperta del grande patrimonio di oggetti e storie conservato nei “musei civici spezzini” per capire come si sono formate le ottocentesche
raccolte di etno-antropologia dei popoli extraeuropei. Attraverso la visione dei materiali originali e le immagini proiettate l’incontro sarà un tuffo
negli usi e nei riti di culture tanto lontane da noi.

6) LEGGERE LA CITTÀ
Modalità di svolgimento: un incontro 2 h, visione commentata di un video
tematico, visione commentata di una presentazione di immagini tematiche.
Progetto: il percorso invita a interpretare i nomi delle vie, delle piazze, dei quartieri e dei luoghi che caratterizzano il tessuto urbano della Spezia, per
scoprire le ragioni storiche che esistono dietro a toponimi e odonimi. La storia della città da leggere attraverso questi nomi si intreccerà alla storia
della città da raccontare attraverso gli oggetti conservati in museo che rimandano alla tradizione della spezzinità.

7) IL SACRO PROFANO: DAGLI AMULETI AI RELIQUIARI
Colori, simboli e forme tra magia, religione e arte
Area di interesse: storia arte e tradizione.
Modalità di svolgimento: visita alle opere esposte nel Museo Etnografico e nel Museo Diocesano della Spezia, laboratorio guidato a distanza o in presenza
a seconda delle disposizioni in atto, si può scegliere se ricevere materiale cartaceo in pdf da stampare, colorare e ritagliare per verificare e memorizzare
quanto appreso durante la lezione in forma ludico didattica, o utilizzare materiale di recupero consigliato dagli operatori per la realizzazione di un semplice
manufatto apotropaico, la scelta verrà guidata in base all’età dei partecipanti al progetto.
Progetto: attraverso l’osservazione di alcuni oggetti esposti presso il Museo Etnografico e il Museo Diocesano della Spezia indagheremo la spiritualità popolare
e la religiosità. Troveremo della liturgia e nei riti cristiani il ricordo di gesti pagani. Tradizioni e superstizioni che affondano nella notte dei tempi e
che hanno da sempre come destinatari le divinità del cielo e della terra. Cercheremo nella natura e nell’arte simboli, forme e colori dal misterioso e
profondo significato, impareremo a riconoscere richiami e somiglianze in storie ed immagini antiche e recenti.