Mostre in corso

ETNOCAPRICCI

Nature morte che raccontano il passato 

Il Museo Etnografico partecipa in due modi al progetto scientifico sulle nature morte che coinvolge i Musei Civici della Spezia: prestando manufatti delle Sezioni di Storia Naturale e di Antropologia Fisica che saranno visibili nel percorso espositivo del CAMeC; allestendo presso la propria sede due nature morte (La tessitura casalinga e La scrivania dell’etnografo) che raccontano visivamente la Sezione di Etnografia Locale e quella che raccoglie e conserva le rarità extraregionali provenienti da ogni angolo della Terra. Se da una parte si fa rivivere il mondo femminile e intimo della preparazione dei tessuti che molta importanza rivestiva nella povera economia di sussistenza delle comunità lunigianesi del passato, dall’altra si rievoca la figura del primo conservatore etnografo, Giovanni Podenzana, e la costituzione delle raccolte esotiche. Come i capricci nella storia della pittura moderna sono composizioni immaginose che accostano elementi tra loro distanti cronologicamente e spazialmente, così le nature morte del Museo si costituiscono di elementi giunti in collezione in modi e con tempistiche diverse che non è detto, ad esempio, che si sarebbero potuti trovare contemporaneamente sulla scrivania del Podenzana. 

 

Per informazioni:
Museo Etnografico ‘Giovanni Podenzana’
via del Prione, 156
19121 – La Spezia
tel. 0187 727781
@ museo.etnografico@comune.sp.it

Orario di apertura:
giovedì 10 – 12.30
venerdì 10 – 12.30 e 16 - 19